Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > i nostri servizi > meteorologia > situazione attuale > analisi ed evoluzione sinottica

Analisi ed evoluzione sinottica del 23 febbraio 2018

- Lo scenario atmosferico europeo continua ad essere caratterizzato da un vasto campo di alta pressione disteso nella medio-alta troposfera, con asse SW-NE, dalle Azzorre fino al Mar Glaciale Artico e interposto tra due minimi barici centrati rispettivamente a Ovest dell'Islanda e sulla Siberia. Un'altra struttura ciclonica, ben strutturata su tutti i livelli di pressione, è centrata sulla Sardegna. La configurazione descritta determina tempo stabile con diffuse foschie sull'Europa occidentale e sulle Isole Britanniche, mentre su gran parte delle restanti regioni si hanno precipitazioni deboli, talvolta a carattere nevoso sino a quota di pianura. Il minimo pressorio sul Mediterraneo innesca il richiamo di aria umida dall'Africa settentrionale fin sulle regioni del meridione italiano dove i gradienti termici verticali favoriscono piogge diffuse, localmente con cumulati elevati, attività elettrica e fenomeni grandinigeni.
- Almeno fino a mercoledì persisterà l'azione di blocco del promontorio occidentale nei confronti delle perturbazioni atlantiche insieme a una chiara divisione delle perturbazioni polari. Tra oggi e domenica anche il ciclone centrato sulla Sardegna sarà poco evolutivo e tenderà a un lento colmamento, successivamente entrerà in fase con la depressione Siberiana; domenica la struttura altopressoria subirà un progressivo stretching meridiano con l'isolamento di un nucleo anticiclonico tra l'Islanda e la Norvegia. Lunedì il promontorio cederà a Est alla distensione della depressione Siberiana che in quota andrà ad incunearsi rapidamente da Nord-Est fin sopra il bacino centrale del Mediterraneo; in seno a tale area si presenterà un dipolo di minimi barici con centro di rotazione antioraria sulla Repubblica Ceca, e l'avvezione di aria polare continentale porterà le temperature a 850 hPa sul settentrione d'Italia a valori intorno ai -14 °C. Nello scenario più probabile per i primi giorni della prossima settimana, sulle nostre regioni, a cominciare da quelle settentrionali e da quelle adriatiche e poi su pressoché tutto il territorio, si avranno temperature al di sotto delle medie stagionali e precipitazioni che assumeranno carattere nevoso anche a quote di pianura.

Link immagini (fonti esterne aggiornate distintamente da questo bollettino)
 Mappa dei fulmini   http://www.wetterzentrale.de 
 Situazione osservata alle 00:00Z   http://www.wetterzentrale.de 
 Precipitazione al suolo alle 00:00Z   http://www.wetterzentrale.de 
Link immagini
 Vorticità relativa e Geopotenziale 500 hPa   +12 +24 +48 +72 +96 +120 
 Umidità relativa 700 hPa e Geopotenziale 500 hPa   +12 +24 +48 +72 +96 +120 
 Pressione MSL e Temperatura 850 hPa   +12 +24 +48 +72 +96 +120 



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2018 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche