Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > miscellanea > Monitoraggio di alcuni eventi di precipitazione intensa...

Monitoraggio di alcuni eventi di precipitazione intensa verificatisi in Sardegna mediante stima da immagini METEOSAT nell'infrarosso
Pagina precedente Indice Pagina successiva


5.3 7 giugno 2000

In questo caso i risultati prodotti dai tre metodi sono decisamente diversi da Novembre e Maggio (Tab. 13). Il metodo NAW ha i migliori HR, CSI, POD e un BIAS di circa 1 e un numero di falsi allarmi pių basso rispetto ai casi di novembre 1999 e maggio 2000. Il metodo CST stavolta sovrastima il numero di eventi di precipitazione, mentre l'AET lo sottostima. Il metodo CST ha il pių basso valore di CSI, HR e il pių alto valore di FAR. Le performances di questo metodo in questo evento sono decisamente peggiori rispetto a novembre e maggio. Da un'analisi che qui non mostriamo, č emerso che il metodo non trova nuvole di precipitazione convettiva, ma solo precipitazione stratiforme, secondo il criterio della slope intorno ai minimi di temperatura. Il metodo AET ottiene valori di CSI e POD pių bassi rispetto a Novembre e 11 maggio e sottostima notevolmente il numero di eventi di pioggia. La cosa si spiega osservando le immagini di temperatura equivalente di corpo nero (non mostrate qui) dove si vede che la sottostima č legata alle temperature relativamente alte del top delle nuvole rispetto a novembre e maggio, per cui la funzione che calcola il rate di precipitazione sottostima notevolmente il rate orario a queste temperature.
Passando agli errori si nota che le tecniche AET e NAW1 hanno i pių bassi RMSE, BIAS e MAE. Questo di giugno č il solo caso di BIAS negativi. Le performances di CST e NAW2 sono circa equivalenti: hanno un BIAS simile, CST ha un pių basso RMSE, NAW2 ha un pių basso MAE.
Pagina precedente Indice Pagina successiva




dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2021 Arpa Sardegna
dichiarazione di accessibilità | note legali e privacy | SardegnaArpa | statistiche