Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > miscellanea > assistenza agroclimatica per lo sviluppo della viticoltura in Madagascar

Assistenza agroclimatica per lo sviluppo della viticoltura in Madagascar
Pagina precedente Indice Pagina successiva


4.3. Pedologia

I dati pedologici disponibili per lo studio del territorio sono risultati limitati ad aree circoscritte e spesso di difficile localizzazione geografica. Tale condizione non ha consentito di effettuare uno studio pedologico completo, ma le informazioni a disposizione hanno permesso comunque di descrivere le principali caratteristiche pedologiche.

Come brevemente accennato tra i fattori pedogenetici che hanno esercitato gli effetti più significativi sulle caratteristiche dei terreni, quelli climatici rivestono un ruolo decisivo. L'elevata piovosità risulta infatti responsabile dell'alterazione idrolitica delle rocce presenti e dei processi di ferralizzazione ed idromorfismo.
L'insieme di questi processi ha determinato la formazione di suoli acidi, poco profondi e con limitato sviluppo della lettiera.
Studi pedologici effettuati in aree vitate del Madagascar definiscono 3 principali profili di suolo, come riportato nella tabella 17.

Benché questi profili siano particolarmente diversi, presentano un punto in comune rappresentato dalla tessitura, di tipo argillo-limosa. La componente argillosa, infatti, varia dal 40 al 45%, quella limosa dal 20 al 30%, mentre le frazioni sabbiose rappresentano il 20% del totale.
Nel complesso la matrice pedologica mostra un'elevata capacità di scambio cationico e una forte propensione alla ritenzione idrica.

Esaminando più in dettaglio le diverse aree, nelle zone viticole di Ambalavao si rileva un profilo omogeneo nei primi 30 cm e dal punto di vista della tessitura, il suolo è di tipo limo argilloso con una proporzione fra gli elementi fini e grossi è equilibrata. Inoltre si osserva una ridotta disponibilità di elementi minerali, ed il pH mostra una reazione nettamente acida con valori di circa 5,0.

Nei territori di Antsirabè e Fianarantsoa si possono distinguere due differenti profili: il primo, che interessa i primi 15 cm è limo argilloso, omogeneo, bruno rossastro; il secondo è limo argilloso, omogeneo, maggiormente rossastro. La precipitazione degli elementi nutritivi e lo scambio cationico fa si che su questo tipo di suolo la reazione sia piuttosto acida, con un pH inferiore a 4,5.

Tabella 17 - Caratteristiche dei profili pedologici principali
ProfiloProfondità [cm]Caratteristiche
10 - 25orizzonti bruno scuri, fini, mobili, presenza di radici
25 - 50orizzonti bruni, fini, mobili
50 - 75orizzonti bruni, fini, mobili
75 - 100sabbie brunaste, maggiormente fini
20 - 125omogeneo, bruno, limoso, fragile
30 - 25omogeneo, bruno, fragile, compatto
25 - 50omogeneo, bruno più chiaro, fragile, compatto
50 - 75orizzonti bruni dall'interno chiaro, compatti
75 - 100orizzonti bruni, compatti
Pagina precedente Indice Pagina successiva




dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2019 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche