Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > pubblicazioni > miscellanea > assistenza agroclimatica per lo sviluppo della viticoltura in Madagascar

Assistenza agroclimatica per lo sviluppo della viticoltura in Madagascar
Pagina precedente Indice Pagina successiva


2.2. Il clima

Il clima del Madagascar è sub-tropicale; sono tuttavia presenti tre diverse varianti climatiche dovute alla posizione dell'Isola, alla sua lunghezza, e soprattutto alla presenza della lunga dorsale montuosa.
Nella parte settentrionale e orientale del Paese il clima può essere classificato come tropicale piovoso (o equatoriale); nella parte centro-occidentale può essere classificato come tropicale umido e asciutto; nell'estremità sud-occidentale, infine, come tropicale semi-arido. Il confine tra i territori interessati dai primi due tipi di clima è la dorsale montuosa Nord-Sud.
Come in gran parte dei climi tropicali, il Madagascar ha due stagioni causate dalla migrazione a cavallo dell'equatore della Zona di Convergenza Intertropicale (ITCZ).

Durante l'estate australe, infatti, l'ITCZ si trova sul Madagascar e porta precipitazioni convettive abbondanti e diffuse su quasi tutta l'Isola. Solo l'estremità sud-occidentale dell'Isola, che si trova ai margini dell'area delle ITCZ, risente dei suoi effetti in misura ridotta.

Durante l'inverno australe la piovosità è nettamente diversa nelle tre zone climatiche. Sulla parte settentrionale ed orientale dell'Isola, infatti,gli alisei dell'Oceano Indiano continuano a portare umidità nei bassi strati, alimentando la convezione (ulteriormente stimolata dal sollevamento orografico) e rendendo piovosa anche questa stagione. A valle della dorsale montuosa, invece, i flussi associati agli alisei hanno perso gran parte del vapor d'acqua e, dunque, il clima risulta secco e moderatamente fresco. Per la peculiare configurazione orografica del Madagascar anche la parte sud-orientale risulta schermata rispetto ai flussi umidi associati agli alisei e dunque è poco piovosa.

Come risultato, nella parte del Paese con clima tropicale piovoso, le precipitazioni risultano molto abbondanti, con piccole variazioni nell'arco dell'anno con cumulati compresi tra 1600 mm/anno e i 2400 mm/anno, distribuiti su circa 80-200 mm/mese.

Anche le medie delle temperature mostrano variazioni contenute. Le massime, infatti, vanno dai 25-28 °C (di luglio) ai 27-33 °C (di gennaio); mentre le medie delle minime variano dai 18-20 °C (di luglio) ai 20-23 °C (di gennaio).
Nella parte del Madagascar con clima tropicale umido e secco, invece, le differenze tra le due stagioni risultano più marcate: d'estate, infatti, sia le precipitazioni che le temperature hanno valori simili alla zona climatica tropicale piovosa, mentre d'inverno si osserva sia un calo delle delle temperature che una netta diminuzione delle precipitazioni. Globalmente, dunque, gli 800-1500 mm/anno di queste zone si concentrano tra ottobre e aprile.

Il ciclo annuale di temperatura e precipitazione è particolarmente evidente nelle zone centrali del paese caratterizzate dal clima tropicale umido e secco, ma con alcune caratteristiche di continentalità. Ad Antananarivo, ad esempio, l'inverno è caratterizzato da cielo poco nuvoloso, precipitazioni intorno ai 30 mm/mese e temperature medie intorno ai 14 °C.

Nella parte del paese con clima tropicale semiarido, infine, le precipitazioni possono scendere sino a 300-400 mm/anno, prevalentemente concentrate nei mesi estivi, mentre le temperature sono simili a quelle della fascia tropicale umida e secca.

NOTA: La Zona di Convergenza Intertropicale (o ITCZ) separa la cella di Hadley dell'emisfero boreale, dalla cella di Hadley dell'emisfero australe; tali celle sovrastano le regioni del pianeta caratterizzate da climi equatoriali o subtropicali.
Nella ITCZ convergono i due flussi superficiali delle due celle di Hadley e, cioè, gli Alisei. Di conseguenza la ITCZ e' mediamente caratterizzata da un flusso convergente alla superficie ed un flusso ascendente lungo la verticale. La convergenza di aria umida al suolo ed il moto mediamente ascendente tende a favorire la convezione, provocando intense precipitazioni.
La ITCZ si sposta verso Nord durante l'estate boreale e verso Sud durante l'estate australe, muovendo la fascia delle precipitazioni intense in modo periodico a cavallo dell'Equatore.

Pagina precedente Indice Pagina successiva




dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2019 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | statistiche