Ritorna all'homepage del dipartimento MC
 homepage > comunicazione > Informativa

Informativa

ANNO 2013
N° 96 del 25/03/2013
ANNO 2012
ANNO 2011
ANNO 2010
ANNO 2009
ANNO 2008
ANNO 2007
ANNO 2006
ANNO 2005
ANNO 2004
ANNO 2003
ANNO 2002
ANNO 2001
ANNO 2000
ANNO 1999
ANNO 1998

Informativa n° 96 del 25 marzo 2013

Il Dipartimento Specialistico Regionale Idrometeoclimatico dell’ARPAS si occupa del monitoraggio fenologico delle specie vegetali di rilevanza ambientale, quali ad esempio l'olivo, la robinia, il cipresso, la vite e altre specie della macchia mediterranea come il corbezzolo e il sambuco. Il monitoraggio è condotto da Arpas attraverso i modelli fenologici calibrati e validati dalla rete fenologica nazionale, supportati dai dati agrometeorologici della rete stazioni ARPAS e da rilievi in campo in alcune aree test della Sardegna, variabili da specie a specie, ed effettuati in particolare fra Nurra, Gallura, Planargia.

Tra le specie di interesse allergologico una delle più importanti che fiorisce nei mesi invernali è il cipresso. Il tradizionale uso paesaggistico del cipresso, come frangivento, siepe e nei viali alberati all'interno della città, ne determina l'importanza, non tanto legata alla quantità di esemplari presenti sul territorio sardo, quanto alla presenza concentrata all'interno delle aree urbane, e questo nonostante una importante quota della popolazione sia allergica ai pollini di cipresso sempreverde e cipresso arizonica.

Il monitoraggio del cipresso mostra quest’anno un ritardo sull'inizio della fioritura di oltre quindici giorni rispetto al 2012. Tale ritardo è da attribuire all'andamento termico e pluviometrico dell'inverno appena concluso. Nelle aree costiere nella prima decade di marzo si sono aperte le prime sacche polliniche delle infiorescenze maschili del cipresso sempreverde e sono pertanto comparsi i primi pollini, tuttavia, le precipitazioni e l'andamento termico hanno rallentato questo fenomeno che sta interessando progressivamente le aree più interne dell’isola, collinari e montane, caratterizzate da cumuli termici inferiori e pertanto indietro da un punto di vista fenologico rispetto alle zone costiere.
Il picco di fioritura dovrebbe verificarsi nel corso della terza decade del mese.



dipartimento.imc@arpa.sardegna.it © 2019 Arpa Sardegna
note legali e privacy | SardegnaArpa | mappa | statistiche